Peptidi, il nuovo doping?

Scopri una nuova modalità di doping con i peptidi capendo il loro ruolo, la loro origine e le loro proprietà per lo sportivo.

 

L'uomo ha sempre cercato di migliorare le sue prestazioni fisiche, per superare se stesso. Il doping nello sport è una prova concreta.

Tutte le principali competizioni sportive dell'era moderna hanno conosciuto la loro parte di "scandali": il Tour de France, i Giochi Olimpici, il calcio, il baseball ... già presente nell'antichità. I primi esempi, descritti da autori greci, risalgono al VI secolo a.C.

L'agenzia mondiale antidoping si è evoluta contemporaneamente ai metodi di doping stessi per effettuare test affidabili e dissuasivi.

Questi controlli estesi, combinati con i significativi effetti collaterali di prodotti come gli steroidi anabolizzanti, hanno avuto l'effetto di dissuadere molti atleti professionisti dall'uso di prodotti dopanti. La cultura del corpo è diventata anche una delle priorità dello sportivo medio che, inoltre, non ha più tabù sull'uso di questo tipo di prodotto.
Sembrerebbe quindi che l'agenzia mondiale antidoping sia preoccupata per un aumento del numero di atleti interessati, ma soprattutto per una nuova generazione di prodotti non rilevabili: peptidi (o ormoni peptidici).

 

Peptidi, cosa sono?

Gli peptidi sono molecole sintetizzate naturalmente dall'organismo. Questi ormoni peptidici sono infatti "messaggeri" che porteranno alla produzione di nuovi ormoni, come testosterone per esempio.
Più comunemente noto come "legami peptidici", un peptide è un polimero di amminoacidi legati insieme.
I peptidi sono molecole create unendo due o più amminoacidi. Sono presenti in tutte le cellule viventi e possiedono una varietà di attività biochimiche. Di solito, se il numero di amminoacidi è inferiore a cinquanta, queste molecole sono chiamate peptidi. Le grandi sequenze sono chiamate proteine. Quindi, i peptidi possono essere pensati come minuscole proteine ​​che sono semplicemente catene di amminoacidi.

I peptidi sono una rivoluzione. È la ricerca che ha avuto successo solo pochi anni fa e che sta iniziando a fare il suo posto nel mondo dello sport e del doping.

Una molecola per ogni sport.

Il doping genetico si basa su numerose ricerche in terapia genica.
Al fine di trovare un modo per ripristinare la crescita muscolare nelle persone con distrofie muscolari, il team del dottor Se-Jin Lee della John Hopkins University di Baltimora (Stati Uniti) ha effettuato nel 2007 una doppia modifica genetica su topi, che quindi producono più follistatina - un ormone che favorisce la crescita muscolare - e meno miostatina - una proteina che la limita.
Il risultato: roditori letteralmente bodybuilding con 4 volte più muscoli rispetto agli animali normali.

Lavorando sul gene PPAR, il team di Johan Auwerx dell'EPFL ha recentemente creato topi che corrono non più velocemente, ma due volte più a lungo. E non è tutto: 2 altri geni che potrebbero migliorare le prestazioni sportive sono stati identificati dai medici sportivi della Technische Universität München.

Quindi c'è solo un passo per immaginare una gamma completa di tecniche genetiche adattate ad ogni sport in base alle abilità richieste (resistenza, forza, velocità ...) per aumentare le prestazioni degli atleti.

Molecole non rilevabili, AMA in delicatezza.

Riconoscendo l'enorme potenziale del metodo, l'Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha anticipato il movimento. Nel 2003, ha incluso genericamente il doping genetico nell'elenco ufficiale di "sostanze dopanti e metodi proibiti".
Da allora WADA ha finanziato numerosi programmi di ricerca per cercare di sviluppare metodi di test di rilevazione affidabili. In effeti, come sottolinea Bengt Kayser :

"Per il momento, non sappiamo molto bene come rilevare il doping genetico. Il prodotto cercato è spesso molto simile alla sostanza prodotta dall'organismo e quindi indistinguibile dalle molecole naturalmente presenti. "

I laboratori specializzati vanno sempre oltre.

I peptidi sono quindi oggi prodotti considerati dopanti, quasi impercettibili e che danno risultati sorprendenti se si credono alcuni utenti.

(Testimonianza di Vincent, ciclista dilettante: "Da quando ho scoperto i peptidi, prendo solo quello e senza rischiare di essere risultato positivo durante i controlli antidoping. Ma soprattutto senza effetti collaterali, a differenza dei prodotti doping convenzionali. come l'EPO o gli steroidi che usavo ").

Alcuni laboratori sono andati oltre nella ricerca e ora offrono un mix di peptidi. Combinano due peptidi per creare un effetto combinato, ancora più potente che se questi due peptidi fossero presi separatamente.

Gli sportivi non sono più i soli colpiti dai peptidi e puoi facilmente immaginare che questi prodotti siano consumati da tutti.

La ricerca mantiene un passo avanti rispetto ai controlli.

Con questo nuovo tipo di prodotto, il doping non sta per scomparire. Fino ad ora, infatti, gli atleti temevano una sospensione e una pesante multa in caso di controllo positivo. Ma con questo nuovo tipo di doping chiamato "genetico", quasi non rilevabile in caso di controllo, è una scommessa sicura che molti di loro si rivolgeranno a questi nuovi metodi.

Il WADA dovrebbe quindi raddoppiare i suoi sforzi per poter continuare a combattere efficacemente contro questa nuova forma di doping e garantire così competizioni sane ed eque. Se non ci riuscirà, molto probabilmente vedremo molti record mondiali cadere uno dopo l'altro.

Un'altra soluzione sarebbe autorizzare questo tipo di doping in modo che tutti gli atleti abbiano le stesse possibilità.
Cosa pensi ?

Lascia un commento

Accoglienza garantita!

Sustamed 250 halomed Deus. Fidatevi di UP sono cresciuto! ...
Prodotto ricevuto rapidamente, servizio clienti reattivo. Raccomando …
Winstrol, dianabol, trembolone acetato, a po lenta la consegna my sempre presenta steroidi...

CONSIGLI E COACHING

DI UN IFBB PRO GRATUITO in 48H!

I NOSTRI CLIENTI CI AMANO

LASCIA LA TUA OPINIONE ONLINE!

© Copyright 2021 upit-steroidi.com

AGGIUNGI AL CARRELLO